School of Dragons, la Scuola dei Draghi è online

Dalla DreamWorks arriva School of Dragons, un gioco disponibile gratuitamente su Facebook e su tutti i dispositivi mobile. Il gioco è in inglese ma vale la pena di fare un piccolo sforzo e approfittarne per imparare un po’ la lingua 😉

Scuola dei Draghi.

Se si è iscritti al social network, si può accedere direttamente al gioco dopo aver installato sul pc l’applicazione Utility Player. Il download si avvia automaticamente, quindi si clicca su “esegui”. Il browser si aggiorna e avvia il gioco. A questo punto compare una schermata dove bisogna raccogliere gli elementi per creare il vichingo con cui giocare e lo si può fare scegliendo il colore dei capelli, degli occhi, della pelle, dei vestiti e l’acconciatura. Il vichingo è colui che frequenta la scuola dei draghi, che si trova su un’isola vulcanica, poco distante da Berk. Qui finalmente il nuovo studente sceglie il suo ovetto contenente il draghetto che sarà oltretutto il suo compagno d’avventura.

School of Dragons è un gioco di ruolo online, che viene praticato da più persone tramite la connessione a internet. In questa avventura si vestono i panni di un vichingo, che deve prendersi cura di un draghetto. I compiti da svolgere sono molti e non tutti facili da espletare. Il cucciolo va nutrito e per saziare la sua fame, occorre gestire una piccola fattoria, inoltre vista la sua tenera età, deve imparare a volare e va istruito per impedirgli di cadere al suolo.

All’inizio il gioco può sembrare noioso, i bambini potrebbero divertirsi a ricreare determinate situazioni, un po’ meno gli adulti che preferiscono giungere al fondamento della storia, e rivivere tutte le emozioni della versione televisiva, ma la cosa è comunque soggettiva. Chi ha visto il lungometraggio d’animazione rimarrà senza parole, perché il gioco è stato rappresentato tenendo conto dei minimi dettagli. Il sonoro e la grafica sono di buona qualità, gli elementi non sono messi per caso, ma tutto segue una linea narrativa.

Una volta che si ha a disposizione il proprio ovetto, bisogna attendere che si schiuda, quindi dare un nome al cucciolo, personalizzarlo scegliendo il colore delle scaglie e altri particolari che lo rendono unico. Una volta che il drago è indipendente, può essere cavalcato e usato per passare attraverso i cerchi, distruggere massi e raccogliere monete. Per il resto, ci sono tante cose da fare con l’amico drago, come prendersi cura della fattoria, andare a pescare per dargli da mangiare, cavalcarlo, insegnarli a sputare fuoco, giocarci. Nella Scuola dei Draghi i giocatori imparano le nozioni di base utilizzando il metodo scientifico, sviluppano puzzle e sostengono sfide.

School of Dragons al contrario di altri giochi, non inizia subito, ma il divertimento si evolve man mano che ci si prende cura del drago, per questo non tutti restano compiaciuti del game, se non si ha una buona dose di pazienza, si finisce di interrompere il passatempo prima di iniziarlo, oltretutto ogni volta che si logga, occorre attendere il caricamento che presenta una serie di immagini e dialoghi in inglese, molto monotoni e che obbligano ad un’attesa troppo spossante.

La parte più divertente del gioco è quando tra il vichingo e il drago si instaura un legame così intenso, da salire la posizione presso la Scuola dei Draghi. L’avventura è assicurata, in un mondo che naviga a 3D tra fantasia e animazione. Il gioco può essere scaricato anche sul mobile con la possibilità d continuare l’avventura in qualsiasi luogo e riprendere a giocare dove si era lasciato.

Clicca qui per giocare su Facebook, oppure visita il sito ufficiale per scaricarlo da smartphone o tablet o per giocarci online fuori da Facebook.

[youtube Adu7cVtoE-g 700]

Commenta!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments